Uscita nel 2011 in versione diario di viaggio, quest’opera diventa nella versione 2019 una miscela tra diario e fumetto, grazie alle tavole aggiunte.

L’adozione internazionale può essere divertente? A questa domanda il fumettista Leo Ortolani cerca di rispondere con “Due figlie e altri animali feroci”. Una risposta diretta, in realtà, la dà nel corso di un’intervista posta alla penultima pagina (datata settembre 2011, a Comicus), associando il libro a “Venerdì 12”, ma la risposta si può trovare già tra le righe di questo diario di viaggio ben farcito di tavole e vignette singole dalla forte carica ironica.
Forse, andando a contare le pagine, ve ne sono di più senza fumetti, ma è indubbio che “Due figlie e altri animali feroci” sia stata ripubblicata da Bao Publishing otto anni dopo Sperling & Kupfer (la stessa che pubblica in Italia Stephen King) anche per il nuovo punto di vista dato dalla parte visiva.
Adottare Johanna e Lucy Maria, per i coniugi Ortolani (presto ribattezzati Ottonani dalle piccole) è stato un viaggio in tutti i sensi: in Colombia, nazione di provenienza delle bambine, nella nuova avventura di diventare genitori all’improvviso, e soprattutto dentro se stesso, per Leo Ortolani. Ed è qui che i nuovi fumetti fanno luce maggiormente, nelle emozioni che l’autore parmense riesce a intrappolare su carta a freddo, anni dopo. Perché la parte scritta, il diario di viaggio dell’adozione, contiene spunti divertenti, profondi, commoventi e demenziali, ma buttati giù a caldo mancano della dovuta calma. Cosa, d’altronde, del tutto logica data la radicale novità e i giorni frenetici.
Qua e là non mancano critiche a come tutto il sistema di adozioni sia strutturato, con evidenti lacune, tempi biblici per capire chi è in grado di crescere un bambino nonostante il gran numero di pargoli nelle strutture predisposte e così via. Le lungaggini burocratiche, una volta tanto, non sono solo italiane ma “tutto il mondo è paese”: gli aneddoti sull’avvocato che sta curando la loro pratica in Colombia, e il suo corvo Rockfeller, sono davvero divertenti, ma parlano anche di come sia difficile far fronte a tutto.
Ben distante dalle atmosfere de “299+1” o “Il Signore dei Ratti”, giusto per citarne un paio, ma anche di “C’è spazio per tutti”, un po’ più serio, mostra un lato di Ortolani rimasto nascosto, la sua umanità e l’amore per la famiglia, che lo rende assolutamente da scoprire.

Titolo originale
Due figlie e altri animali feroci
Autore
Leo Ortolani
Anno pubblicazione
2019
Lingua originale
Italiano
Genere
Fumetto
VN:F [1.9.5_1105]
Valutazione: 5.0/5 (5 voti)
Due figlie e altri animali feroci - Leo Ortolani (Recensioni), 5.0 out of 5 based on 5 ratings

Ti potrebbe anche interessare: