Una testimonianza diretta di ciò che è avvenuto durante il nazismo.

Si dice che “Rocky” sia un film che racconta della vita di un uomo, e il fatto che si tratti di un pugile porta a parlare casualmente di pugilato. La stessa impressione l’ho avuta con “Maus” di Art Spiegelman: ovviamente lo sfondo della guerra, del nazismo, della morsa che si stringeva sempre più attorno agli ebrei, è presente, ma a mio avviso parla di altro. Continua >

VN:F [1.9.5_1105]
Valutazione: 5.0/5 (6 voti)