Qualche tempo fa ho realizzato di avere rimandato per troppo tempo la lettura. Tutto per favorire la scrittura e le numerose idee che avevo in mente, ma il risultato è stato comunque avere una pila di libri sul comodino.
Alla ricerca di un nuovo posto in cui poter leggere in pace, mi sono imbattuto dopo infruttuosi tentativi in un sito che si occupava di vendita on line. L’idea di un pouf mi è balenata poiché uno dei problemi maggiori per la lettura era il mio gatto, che voleva restarmi vicino per reclamare al momento giusto (secondo lui) le coccole. Ho quindi acquistato una poltrona sacco con l’intenzione di utilizzarla senza dare spazio al gatto di avvicinarsi troppo, e giusto per la pila di libri in attesa prima di metterlo da parte.
Devo dire che tutto, fin dalla scatola e dall’imballo, mi hanno comunicato fiducia, anche al mio gatto che si è innamorato del cartone, risolvendo il primo problema. Non credo che il cartone abbia mai capito le fusa dell’animale, ma non è quello il punto. Il punto è che il pouf si è rivelato comodo fin dal primo utilizzo, con il contenuto in polistirolo che mi aiuta ad assumere la posizione giusta per la mia schiena, che a volte risente della stessa posizione tenuta per molte ore.
Il secondo problema, la pila di libri, è stato superato in poco tempo: in serata, quando non sono impegnato in altro, mi siedo sulla poltrona sacco e leggo senza sosta, aiutato dalla sua comodità. Tutti i libri cancellati dalla lista, inoltre ho cominciato nuove letture e perfino a prendere appunti riguardo una storia che a breve potrebbe prendere il via.
A lungo andare, sembra che il gatto stia trovando il modo per intrufolarsi anche quando sono sul pouf, ma la superficie antigraffio mi mette al sicuro da danni che lui potrebbe compiere per farmi vedere quanto tiene a me. Quindi, tutto sommato, va bene così.

VN:F [1.9.5_1105]
Valutazione: 5.0/5 (10 voti)
Una poltrona sacco e un buon libro, 5.0 out of 5 based on 10 ratings