Sono molto legato a questo romanzo. Io e Angela Leucci avevamo questa idea in mente, un racconto da scrivere a 4 mani, ma non eravamo decisi su quale struttura narrativa usare. Poi leggemmo Rabbia, e decidemmo per l’intervista orale, cioè una storia nella quale non ci sono descrizioni o altro, ma solo le voci di chi ha vissuto la vicenda, raccolte da un giornalista che resta anonimo. Continua >

VN:F [1.9.5_1105]
Valutazione: 5.0/5 (5 voti)