Le cronache di un fiume senza rive diventano un romanzo di assoluto impatto.

Qualche tempo fa, un blog che si è occupato di recensire il mio libro ha affermato che so scrivere molto bene. Riprendo l’inizio di quella recensione, cambiando semplicemente il nome dell’autore: “Vincent Spasaro sa scrivere e lo sa fare molto bene”.

L’autore, come i grandi della letteratura fantasy, dà vita a un mondo curandolo fin nei minimi dettagli, e svelando man mano particolari che, uniti alle vicende centrali, tengono nel lettore l’attenzione alta. Ne è un esempio lampante la scoperta del modo in cui nascono i bambini su questo strano mondo che, come suggerisce il sottotitolo, è un fiume senza rive.

Su queste acque Onnau il Centauro, il Mutaforma, l’Alto Prete Lluach (che ha la forma esteriore di un bambino) e altri personaggi si muovono alla ricerca del demone sterminatore, un’entità che ha ucciso il Dio Silente di un mondo e che si è nascosto in altro mondo, passando attraverso strane porte che fungono da passaggi da una dimensione all’altra. Il modo in cui è descritto il massacro (già che c’era ha ucciso anche gli angeli) è a metà tra la narrazione di un normale assassinio e qualcosa di molto più empirico. Bella la scelta di dare al Paradiso una sede reale, raggiungibile dagli stessi luoghi abitati dai devoti, che segna, con i peccati che si porta dietro il prete Lluach, un avvicinamento tangibile tra Dio e terra. A dire il vero, resta nell’ombra il modo in cui Dio, che praticamente abita gli stessi luoghi dei comuni mortali, possa avere potere sugli elementi, e anche perché sia possibile ucciderlo con armi più o meno convenzionali, ma fa parte del gioco.

Lluach trova aiuto nel feroce Tukiniat e nel più mite Elibiat, mentre il demone sceglie come compagno di viaggio il pescatore Iwah, e infine Onnau si accompagna a diverse persone nel corso delle pagine, per un viaggio verso Nord che, grazie alla compagnia di un interlocutore, diventa un modo per far  parlare i personaggi e dare vita a dialoghi sempre ben strutturati.

Ottima la conclusione, quando si scopre il vero motivo per cui il deicida si muove attraverso i mondi, per arrivare in crescendo alle ultimissime pagine, dove tutto viene spiegato, nonostante il finale sia lasciato aperto.

 

Titolo originale
Il demone sterminatore
Autore
Vincent Spasaro
Anno pubblicazione
2013
Lingua originale
Italiano
Genere
Dark Fantasy
Editore
Anordest
VN:F [1.9.5_1105]
Valutazione: 5.0/5 (9 voti)
Il demone sterminatore - Vincent Spasaro (Recensioni), 5.0 out of 5 based on 9 ratings